Tutti gli articoli di ilariagi

Giornata della Memoria – 27 gennaio 2016

In molti circoli Arcigay italiani in questi giorni si guardano film, si assiste a spettacoli teatrali o si ripropongono letture per commemorare le 100 mila persone omosessuali perseguitate dal nazifascismo, delle quali circa 10 mila trovarono la morte nei lager.
In Germania l’articolo del codice penale in base al quale furono perseguitate le persone omosessuali durante la dittatura nazista rimase in vigore per decenni dopo la fine della guerra e solo nel 1969 venne definitivamente abrogato. In base a questa legge alcuni dei superstiti dei lager nazisti furono nuovamente arrestati dopo la guerra.
In Italia, alla deportazione si preferì il confino coatto in luoghi isolati e remoti. La repressione veniva affidata ad atti di polizia, mentre nel codice penale dell’epoca fascista si omise ogni norma anti-omosessuale, negando fosse un “problema” che affliggesse gli italiani.
È importante che quanto accadde alle persone omosessuali nel periodo nazifascista resti un ricordo vivo non solo nella comunità LGBTI, ma anche nella memoria collettiva di tutti, poiché in alcuni paesi del mondo simili barbarie sono tutt’oggi in atto.
Arcigay Cremona «La Rocca» tiene a commemorare queste vittime, insieme a tutte le altre cosiddette minoranze che in nome di una presunta inferiorità sono state perseguitate.

Ilaria Giani
Presidente Arcigay Cremona “La Rocca”