Archivi categoria: Notizie

Notizie riguardati il mondo di Arcigay e non solo.

(OVER THE) RAINBOW

Per il Pride Month inizia una seconda edizione della rassegna di titoli dedicati ai temi della comunità LGBTI+, allo Spazio Cinema Anteo di Cremona (presso il centro commerciale Cremona Po) con tre appuntamenti imperdibili:

🎞️ venerdì 3 giugno • ore 20:45
LET’S KISS – STORIA DI UNA RIVOLUZIONE GENTILE
Un docufilm biografico incentrato sulla figura di Franco Grillini, bolognese, da sempre impegnato nella lotta per il riconoscimento dei diritti civili LGTB. Avremo come ospiti in sala proprio Franco Grillini e il regista Filippo Vendemmiati.
Biglietti disponibili qui.

📽️ mercoledì 8 giugno • ore 20:45
C’É UN SOFFIO DI VITA SOLTANTO
Emozionante e singolare storia di Lucy Salani, la donna transessuale più anziana d’Italia. Tra le pochissime sopravvissute al campo di concentramento di Dachau ancora in vita, è testimone diretta di uno dei momenti più bui e tragici della storia del Novecento.
Incontreremo, da remoto, i registi Matteo Botrugno e Daniele Coluccini.
Biglietti disponibili qui.

🎥 mercoledì 15 giugno • ore 20:45
SILENZI E PAROLE
A Cagliari, la vita e l’attività parallela da un lato dei frati cappuccini, impegnati nei riti della Quaresima, e, dall’altro, dell’Associazione ARC, espressione della comunità L.G.B.T.Q., alle prese con le iniziative della Queeresima. Il regista Peter Marcias si muove con delicatezza e discrezione tra due realtà apparentemente incomunicabili e differenti, sovrapponendo ritmi temporali e squarci di vita. Avremo l’opportunità di conoscere Marcias dopo la proiezione.
Biglietti disponibili qui.

Il prezzo del biglietto è di 6,50€, con possibilità di riduzione a 5€ con tessera Arcigay oppure tessera del Comitato Cremona Pride.

Omotransfobia, calendarizzata la legge regionale in Lombardia

Gabriele Piazzoni, Segretario Generale di Arcigay, ha partecipato nella mattinata di martedì 10 maggio alla conferenza stampa organizzata da M5S e +Europa/Radicali sulla calendarizzazione della legge regionale contro l’omolesbobitransfobia presso il Consiglio Regionale della Lombardia. Con l’occasione, le associazioni presenti hanno consegnato al Presidente del Consiglio, Alessandro Fermi, 10 scatole contenenti quasi 10 mila firme, raccolte in questi mesi grazie alla petizione sul sito di All Out a sostegno del PDL 109.

È importante che anche le istituzioni locali siano attraversate dal dibattito del contrasto alle discriminazioni e ai crimini d’odio, quantomeno per far uscire allo scoperto le forze politiche e i loro rappresentanti nelle istituzioni su questi temi.

Con l’avvio di questo iter, pieno di ostacoli ma al quale auguriamo tenacia e successo, si apre per la Lombardia una prospettiva di servizi e di un welfare nuovo.

Le leggi regionali non sono alternative né meno importanti della legge in discussione in Parlamento: quest’ultima, per una questione di competenze, contiene una serie di norme penali che sanzionano discriminazioni e violenze di matrice omotransfobica; alle leggi regionali, invece, spetta il compito di fare prevenzione attraverso la formazione, l’educazione e i servizi.

Leggi il comunicato stampa completo sul sito di Arcigay.

Attacco ad Arcigay del Friuli

Il gravissimo attacco subito da Arcigay del Friuli ODV è l’ennesimo segnale dell’emergenza che viviamo in questo momento.

Colpire la sede di associazioni libere e democratiche è un’offesa nei confronti di chi ha lottato per garantire questa libertà.

La vicinanza a due giornate dal valore simbolico importantissimo – il 25 aprile e il 17 maggio – rende questo attacco, se possibile, ancora più doloroso per tutte le persone che si riconoscono nei valori dell’uguaglianza e della libertà.

Ci stringiamo alle compagne di Arcigay del Friuli e delle associazioni che con loro condividono gli spazi. Ci auguriamo che le forze dell’ordine facciano presto luce sui responsabili di questo attacco vile e spregevole.

Indagine Istat

Arcigay Cremona invita a partecipare all’indagine sulle discriminazioni lavorative nei confronti delle persone LGBT+ (non in unione civile) che l’Istituto nazionale di statistica (Istat), in collaborazione con l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR), sta realizzando nell’ambito di un progetto di ricerca che prevede la realizzazione di più indagini rivolte a diversi target di popolazione LGBT+ (persone in unione civile, persone non in unione civile, persone transgender).

L’indagine in corso è rivolta alle persone omosessuali e bisessuali maggiorenni che non sono in unione civile, né lo sono state in passato, e che vivono abitualmente in Italia.
Se appartieni a questo target e sei interessato a partecipare a questa iniziativa, puoi accedere tramite il link:
https://survey.istat.it/index.php/857777?token=9xpK5PxhGGXmvXE
Verrai indirizzato a una pagina web Istat per accedere all’indagine.
Al termine del questionario, potrai coinvolgere altre persone interessate a partecipare indirizzandole a questa pagina web o seguendo le indicazioni che troverai una volta inviato il questionario. Alla rilevazione si deve partecipare una volta soltanto.
Grazie per l’attenzione.